MICRONEEDLING

e sue applicazioni in chirurgia plastica

Il microneedling, a seguito della puntura del derma da parte dei micro-aghi e conseguente rilascio di fattori di crescita, favorisce la formazione di nuovo collagene e vasi. Aumenta anche l’acido ialuronico e l’elastina per migliorare l’idratazione, lo spessore, l'elasticità e la tonicità dei tessuti, levigando e distendendo la pelle. La sua efficacia è ben documentata nel trattamento delle cicatrici atrofiche da acne, delle smagliature, degli esiti cicatriziali, nelle fini rughe e nel ringiovanimento cutaneo. È una possibile alternativa al fractional laser resurfacing nel trattamento delle cicatrici e della lassità cutanea, inoltre è usato per il trasferimento transdermico di sostanze farmaceutiche. Molti trattamenti sono abbinati con il microneedling, migliorandone ulteriormente gli effetti terapeutici. 

Chirurgia estetica uomo

Lo strumento usato per il microneedling è una specie di penna con molti aghi (12) sulla punta. È possibile scegliere la lunghezza degli aghi secondo l’indicazione. Per il trattamento delle cicatrici da acne e delle altre cicatrici la lunghezza degli aghi (selezionata in base alla profondità delle lesioni presenti) è di solito di 1,5 – 2,0mm, mentre per il trattamento dell’invecchiamento cutaneo e delle rughe è già sufficiente una lunghezza di 0,5 – 1,0mm.

Dopo l’applicazione di una crema anestetica locale, si può cominciare il trattamento di microneedling. Dopo il passaggio ripetuto dello strumento, sulla cicatrice o sulla cute, si osserva la formazione uniforme di piccoli puntini rossi che segnano la fine del trattamento. Dopo il lavaggio e l’applicazione di crema, si può tornare a casa con il viso lievemente arrossato. Tale arrossamento può prolungarsi al massimo per 2 o 3 giorni, senza lasciare alcun segno post-trattamento. Per una settimana è opportuno evitare il sole, e si suggerisce di applicare una protezione totale anche per una semplice passeggiata. 

Il trattamento con microneedling può essere ripetuto ogni 3 o più settimane anche se per ottenere gli effetti desiderati sulla pelle, sono necessarie delle sedute multiple. Non si potrà vedere subito il completo risultato finale perché il nuovo collagene continua a essere depositato per circa 3-6 mesi dopo la fine del trattamento.


Applicazioni cliniche:


1. Cicatrici da acne


Ad oggi i trattamenti per le cicatrici da acne includono: tecniche chirurgiche (innesti di cute puntiformi, escissioni puntiformi, subincisioni), tecniche di resurfacing (dermoabrasione, trattamenti con laser ablativi, peel chimici), trattamento laser non-ablativo, trasferimento di grasso autologo e iniezioni di filler dermici. Ognuna di queste tecniche ha dei risultati clinici e delle complicazioni variabili, e per le cicatrici da acne, nessun trattamento è stato universalmente efficace. Però ci sono numerosi vantaggi nell’usare il microneedling per queste cicatrici perché può essere effettuato in ambulatorio ed è sicuro per tutti i fototipi (colori) cutanei. Altri vantaggi includono il costo contenuto, la maggiore semplicità rispetto a tutte gli altri procedimenti, oltre alla ridotta convalescenza rispetto alle tecniche di resulfacing con laser sia ablativo che non-ablativo. Oltretutto il microneedling può essere usato in zone, dove peeling o laser non possono essere usati, come vicino agli occhi. Infine non si forma alcuna linea di demarcazione tra la pelle trattata e non-trattata, che significa che non è necessario trattare tutto il volto oppure ‘sfumare’ i bordi. Un grande vantaggio è che non c’è il rischio di fotosensibilizzazione o di discromia post-infiammatoria perché né lo strato corneo né l’epidermide sono rimossi, così come non sono state mai riportate infezioni perché i microfori creati dagli aghi si chiudono immediatamente. 


Per ottenere i massimi i risultati, questa cura può essere combinata con altri trattamenti per le cicatrici da acne come la subincisione, il peel chimico, la microdermoabrasione.


2. Cicatrici ipertrofiche e da ustione


Gli studi clinici riportano un generale miglioramento delle cicatrici di circa l’80% dei pazienti e documentano una normalizzazione della matrice del collagene e dell’elastina a un anno dall’inizio della terapia.


3. Anti-aging


I trattamenti con microneedling sono diventati noti in tutto il mondo non solo per le cicatrici da acne, ma anche come terapia anti-età. Il miglioramento cosmetico del viso attraverso l’induzione del collagene e l’incremento della penetrazione di cosmeceutici sono stati ampiamente descritti. Ci sono alcuni vantaggi del microneedling rispetto al laser resurfacing poiché non comporta alcuna lesione epidermica, c’è una minima convalescenza e il costo della cura è molto inferiore.


Conclusioni


Nonostante che all’inizio sia stato presentato come trattamento per le cicatrici e le rughe, il suo uso è stato presto esteso alle smagliature, al ringiovanimento facciale e alla penetrazione transdermica di farmaci. Ancora oggi il trattamento con microneedling è una possibilità sottoutilizzata, che può fornire un’alternativa a buon mercato al fractional laser resurfacing. Le applicazioni terapeutiche di questa modalità sono sempre diverse e sono destinate ad aumentare nel corso degli anni a venire.  


Quali zone possono trarre beneficio dal microneedling e come funziona?

Il microneedling può essere adoperato in tutto corpo dove è necessario aumentare il collagene o dovunque si abbiano linee, rughe, cicatrici o smagliature. Il sistema utilizza minuscoli aghi per creare dei micro-forellini nella pelle, che innescano dei meccanismi di stimolazione e di reazione con la creazione di collagene nella zona trattata. Di conseguenza, la pelle trattata con il microneedling diventa più liscia, più tonica e più distesa.


Quante sedute di trattamento sono necessarie per vedere dei risultati?

Per apprezzare dei risultati, si consiglia un minimo di 3 sedute. Durante la visita specialistica si potranno determinare in modo approssimativo il numero di sedute necessarie per le esigenze specifiche.


Quanto è dolorosa la procedura?

Durante un trattamento con microneedling è comune una lieve sensazione di punzecchiatura. Tuttavia, una crema anestetica, applicata 20-30 minuti prima, contribuirà a ridurre il fastidio connesso con la procedura.


Share by: